Il nome (1) - Nome comune, proprio, concreto, astratto, collettivo, numerabile, non numerabile

In questa prima scheda sul nome, esaminiamo come può essere il nome in relazione al significato che esprime.

Il nome è la parte variabile del discorso che indica una persona, un animale, una cosa.

In relazione al significato può essere:

- COMUNE: il nome comune indica in modo generico una persona, un animale, una cosa.
Esempi: uno studente (persona), un gatto (animale), un libro (cosa).

- PROPRIO: il nome proprio indica in modo preciso una persona, un animale, una categoria. Va sempre scritto con l'iniziale maiuscola.
Esempi: Matteo (persona), Snoopy (animale), Tevere, Italia, Everest (categoria).

- CONCRETO: il nome concreto indica persone, animali, cose che sono reali, che esistono in natura e che possiamo percepire con i sensi.
Esempi: neve, cane, freddo, limone, musica.

- ASTRATTO: il nome astratto indica qualcosa che non è materiale, un concetto, un sentimento, una qualità.
Esempi: bontà, odio, ipocrisia, empatia.

- COLLETTIVO: il nome collettivo indica un insieme omogeneo di persone, animali o cose che si possono contare oppure no.
Esempi: flotta (insieme di navi), gregge (insieme di ovini), squadra (insieme di persone).

- NUMERABILE: il nome numerabile indica elementi che possono essere contati (può anche essere uno solo).
Esempi: professore - professori, fiore - fiori, mela - mele, cavallo - cavalli.

- NON NUMERABILE: il nome non numerabile indica qualcosa (reale o astratto) che non può essere contato.
Esempi: farina, acqua, gioia, sgomento.

E ora un esercizio per mettersi alla prova.
https://wordwall.net/it/resource/25100640