L'accento tonico

Che cos'è l'accento tonico? In italiano, dove è obbligatorio metterlo quando scrivo?

Come si legge nella scheda, l'accento indica dove il tono della nostra voce si rafforza quando parliamo.
A seconda della posizione su cui cade le parole si dicono:
- TRONCHE: se l'accento cade sull'ultima sillaba (sillaberò, scriverò);
- PIANE: se l'accento cade sulla penultima sillaba (sillabàre, scrivère);
- SDRUCCIOLE: se l'accento cade sulla terzultima sillaba (tàvolo, zùcchero);
- BISDRUCCIOLE: se l'accento cade sulla quartultima sillaba (màndamelo, arràmpicano);
- TRISDRUCCIOLE: se l'accento cade sulla quintultima sillaba (òrdinamelo, rècitamelo).

Ovviamente queste sono le regole, ma per mettere gli accenti al posto giusto non dovrai stare a contare le sillabe, imparerai a metterli molto più facilmente ascoltando parlare in italiano. Più ascolti, più impari.
La cosa importante che ti devi ricordare è che, quando scrivi, l'accento va messo solo se è alla fine della parola!

Vediamo alcuni casi di parole che cambiano significato quando sono accentate e che quindi è importante ricordare per scrivere in modo corretto:
- da (preposizione) - dà (voce del verbo avere)
- dì (nome: giorno) - di (preposizione)
- è (verbo essere) - e (congiunzione)
- là (avverbio di luogo) - la (articolo o pronome)
- lì (avverbio di luogo) - li (pronome)
- né (congiunzione) - ne (pronome)
- sé (pronome tonico) - sé (pronome atono)
- sì (avverbio) - si (pronome)
- tè (nome: bevanda) - te (pronome)

Vai al quiz per metterti alla prova!
https://wordwall.net/it/resource/23888951