• Monica Rocca

Buon 1° maggio a tutti i non lavoratori


Non è mica da tutti riuscire a farsi licenziare con il blocco dei licenziamenti! E ironia della sorte, la lettera di licenziamento è giunta alle soglie della festa del lavoro. Quelle coincidenze che mi fanno sul serio sbellicare dalle risate!

La mia azienda non è una delle tante a essere stata travolta dalla pandemia, semplicemente i soci rimasti hanno deciso di andare in pensione.

Per me finisce un'epoca.

Dopo l'amarezza e la rabbia iniziale, perché si sarebbero potute trovare soluzioni alternative alla chiusura coinvolgendo, per tempo, il gruppo dei lavoratori (da sempre compatto, autonomo e ad alta professionalità), io ora, a distanza di un mese dall'annuncio, sono quasi grata a questa lettera di licenziamento che mi ha tolto da un torpore lavorativo durato troppo a lungo e mi ha ricaricata di entusiasmo per un futuro incerto, ma tutto da costruire.

Entusiasmo e incertezza i miei nuovi compagni di viaggio, oltre a una serie di nuovi obiettivi da raggiungere già ben delineati nella mia testa.

La mia vita da dipendente è durata 5 anni e 11 mesi su 21 anni di lavoro ininterrotto nel settore editoriale.

Non mi sgancio totalmente da questo mondo, per cui provo un sentimento di odio-amore come solo per alcuni fidanzati passati, ma ci resto dentro con le mie regole, non con quelle imposte dagli altri.

Rimboccarsi le maniche e ricominciare. "Questa è la via."

E a tutti quelli che mi proporranno l'improponibile risponderò con le parole di Pavese:






63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti